Rosanna Chiessi. Pari & Dispari, Cinquant’anni di ricerche

12
0
Condividi:

Rosanna Chiessi (Latina, 11 maggio 1934 – Reggio Emilia, 7 marzo 2016) è stata un’editrice e gallerista italiana, promotrice di avanguardie artistiche del secondo Novecento.

LA CARRIERA ARTISTICA

Nel 1962 apre la galleria d’arte il Portico a Reggio Emilia e verso la metà degli anni sessanta entra in contatto con i fermenti sperimentali delle neoavanguardie. La sua casa diventa punto di incontro e scambio per i giovani artisti e poeti emiliani attivi nelle correnti informali, optical e di poesia visiva. La mostra “Poesia Visiva” del 1969 segna l’inizio della sua attività di editrice. Nel 1971 fonda a Reggio Emilia la casa editrice Pari Editori & Dispari producendo edizioni grafiche con artisti concettuali italiani, poeti visivi e body-artists quali, Giuseppe Desiato, Franco Vaccari, Claudio Parmiggiani, Corrado Costa, Mario Ceroli, Agostino Bonalumi e altri. In quegli anni inizia ad organizzare eventi, festival ed esposizioni, partecipando a fiere internazionali.

Dopo l’incontro con Joseph Beuys a Düsserdolf all’inizio degli anni Settanta, Rosanna Chiessi lavora con i principali esponenti dei movimenti artistici di rottura, le cui opere all’epoca erano pressoché sconosciute in Italia. L’indagine del gesto e delle sue possibilità espressive tracciate da alcune delle esperienze più radicali di arte performativa, rappresentano il principale interesse nella sua ricerca artistica. Si susseguono così tra la fine degli anni Settanta sino al 1990 festival e performances tematici in diverse città italiane, anche in collaborazione con enti pubblici e musei con gli artisti del movimento Fluxus, Azionismo Viennese, poeti visivi e performers.

Per scoprire di più:

 

Condividi: